'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

giovedì 29 luglio 2010

Nostalgia - 'Longing'

Estate tempo di viaggi
Summertime means travels
Secondo Figlio è in viaggio per Los Angeles.
Prima e Seconda Figlia lo seguiranno domenica per passare 12 giorni con Primo Figlio che lì lavora. Insieme faranno un viaggetto di una settimana in California.


Second Son is travelling to Los Angeles.Next Sunday First and Second Daughter will follow and they will all spend about 12 days with First Son who works there. Together they will tour California for one week.


Da una parte sono piena di gioia per questa riunione che permetterà loro di rivedersi dopo quasi due anni. Dall’altra, vorrei tanto, tantissimo andare con loro. Vorrei avere di nuovo i miei quattro figli sotto lo stesso tetto, sentirli ridere, scherzare e litigare come facevano un tempo nemmeno troppo lontano.


From one side I am full of joy for this reunion that will allow my children to see each other after nearly two years. On the other side I would like so much to be with them. I would like to have my four kids under the same roof again, and listen to them while they laugh, joke and quarrel, as they used to do in a not too removed past.


Com'erano piccoli
How young they were
In questi giorni ho sentito più forte la nostalgia per Primo Figlio che oramai vive in California da più di cinque anni; sono passati solo due mesi da quando l’ho visto, eppure mi sembra molto di più. E meno male che adesso è più facile viaggiare ed anche comunicare. Ricordo un tempo in cui una telefonata interurbana era quasi un avvenimento: era costosa e bisognava parlare in fretta.


In these days the longing for First Son is stronger than ever, in spite of the fact that he has been living in California in the past five years and that I have seen him only two months ago.
Luckily in these days it is much easier to travel and to communicate. I remember when a long distance call was nearly a happening: it was expensive and we had to talk quickly.


Penso a quante madri nei secoli hanno visto i figli emigrare per poi non stringerseli mai più al petto. Le lettere impiegavano mesi per arrivare da una parte all’altra del mondo.
Ecco, oggi cercherò di essere grata di vivere in un’epoca in cui la tecnologia mi permette di comunicare con mio figlio frequentemente ed a basso costo.


I think of those mothers that in the last centuries have seen their children emigrate and never again could hug them. Mail took months to travel to the other side of the world.
So today I will try and be grateful that I live in an era in which technology allows me to frequently communicate with my son, and at a low cost.

Immagini della California
California's images

8 commenti:

  1. Una curiosità: cosa pensa tuo figlio in California del "Sogno Americano", è felice, ha trovato quello che cercava?

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Caro Exodus, ti avevo scritto una lunghissima risposta per dire semplicemente questo: mio figlio lavora molto, a volte fino a tardi ed anche il fine settimana. Ha trovato lavoro da solo, ha ottenuto il visto di lavoro, si sta facendo strada per i suoi meriti e la sua tenacia, non perché sia il 'figlio di' o il 'nipote di'.
    E' soddisfatto di sé, ha accresciuto la sua autostima, è sereno ed ottimista: è questo quello che intendi con 'Sogno Americano'?

    RispondiElimina
  4. No, voglio sapere se è felice.

    Un mio amico bradipo vegeta da 15 anni con un'ottima posizione economica, forse te ne ho già parlato in un altro post. Io invece ho avuto un sacco di avventure e disavventure. L'amico mi chiede: "Ne è valsa la pena?", io rispondo: "Le cose sono arrivate così, non è stata una vera decisione, in mezzo alla corrente ho nuotato". La vita è questa. Però la felicità è un'altra cosa.

    Mi sarebbe piaciuto leggere la risposta lunga. Non posso chiedere "ne è valsa la pena" in quanto la risposta credo sarebbe di sì, come alla fine ho risposto io. Quindi mi rimane da capire una cosa, che poi è la cartina di tornasole: se è felice. Non soddisfatto, impegnato, apprezzato, realizzato, economicamente sereno o entusiasta, no. Mi interessa sapere se è felice. E' da anni che "studio" la felicità e le scoperte sono incredibili in quanto si vede come poco c'entri con tutto il resto che noi consideriamo importante.

    Forse ho anche posto male la domanda in quanto il "sogno americano" era semplicemente sopravvivere ed avere un futuro in un mondo in cui non tutti ce l'avevano. E forse è quello il senso più vero del "sogno".

    Io potrei andare in mille posti, ma mi rendo conto che la felicità non la trovo andando in giro. E' una ricerca davvero complessa. Però ho anche bisogno di confrontarmi. Per questo ti pongo la domanda: pensi che tuo figlio sia felice? (Attenzione: la risposta NON E' obbligata, mi rendo conto di quanto questa domanda sia difficile per tutti, e specialmente per una madre).

    Ciao

    RispondiElimina
  5. La chiamerei "nostalgia tenera", perché è bello sentire una madre che parla così di un figlio.

    RispondiElimina
  6. "Nostalghia" a parte, so quanto sia assai vera e capisco bene il senso del tuo articolo, mi sembra di capire che riuscirai a passare buona parte del mese di agosto in completo relax senza figli o con solamente uno
    ... io questa la chiamerei "Conquista"!

    RispondiElimina
  7. Allora, vogliamo riassumere?
    Tanta nostalgia piena di amore, ma che mi permette di passare qualche giorno per conto mio, nel mio mondo di luce: questa è la vera felicità...

    Scherzi a parte, caro Exodus,per me la felicità nel senso classico è una chimera, non esiste. Invece cercare di arrivare ad uno stato di pace con sé stessi, senza rimpianti né rincrescimenti, accontentandosi di quel che si ha, cercando di essere ottimisti e positivi, soddisfatti delle proprie azioni, in breve arrivare alla serenità, questo sì che è felicità. E dipende solo da noi, dal nostro atteggiamento verso la vita e non dalle azioni di chi ci sta accanto.
    Dunque se mio figlio ha capito questa mia filosofia, ebbene sì, è felice. Ma non gli ho mai posto la domanda: 'sei felice?'perché per me non ha significato.

    RispondiElimina
  8. Exodus,
    scusa se non pubblico il tuo ultimo commento, ma mi pare che una discussione di questo tipo debba essere portata avanti in altro luogo.
    Possiamo filosofeggiare all'infinito, ma ognuno vive la propria realtà e le proprie convinzioni.
    Aracne

    RispondiElimina