'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

domenica 5 settembre 2010

Accettazione - 'Acceptance'




Non è strano come certe volte leggiamo o sentiamo casualmente delle parole che  riflettono un nostro stato d’animo,  e che avevamo necessità di sentire, senza che ce ne rendessimo conto?
Così ieri mi è successo,  visitando uno dei blog che più mi piace, questo: Shibori Girl.
Il lavoro di questa donna è straordinario ed uno di questi giorno vorrei moltissimo fare un workshop con lei.
Isn’t it strange how sometimes we read or we casually hear words that reflect our state of mind in that moment, and that we were in need to listen without realizing it?
This is what happened to me yesterday while visiting one of the blogs that I like most: Shibori Girl.
This woman in an extraordinary artist and I am dreaming of taking a workshop with her.

Stava parlando della tecnologia, di come ha cambiato le nostre vite, e di qui è passata a parlare di quanto restiamo attaccati alle nostre vecchie convinzioni. Secondo uno studio da lei menzionato ci vogliono 10 anni per cambiare idea e solo se veramente ci proviamo!
E poi ha detto: ci vuole pazienza per progredire, abbandonare le vecchie idee e fare posto alle nuove.
She was speaking of technology, how it changed our lives, and from here she started talking about how we keep clinging to our old ideas. According to someone that she mentions in her post, it takes at least 10 years to give up an idea and only if we really try!
And then she said: it takes patience to move forward, to let go of the old ideas and make place for new ones.



La mia vita è sconvolta dal tornado.
A tornado is upsetting my life.


Ho trovato che questi concetti fossero proprio quello di cui io avessi bisogno: ultimamente la mia vita si è svolta secondo un equilibrio felice, in cui avevo le mie abitudini, la mia meravigliosa e rassicurante routine.
Tutto questo è stato improvvisamente sconvolto dalla malattia di mia madre e dal suo subitaneo ricovero in ospedale. La mia vita deve riorganizzarsi intorno a questo evento prevedibile ma comunque non auspicato.
Sto resistendo, e questo mi rende infelice. So che sono io che devo cambiare, devo adattarmi, devo accettare, e che finché non lo farò non ci sarà progresso né riconquista della mia serenità.
I found that these concepts were exactly what I needed: lately my life had a happy balance in which I had my habits, my terrific and reassuring routine.
This has suddenly been upset by my mother’s illness and  her unexpected hospitalization. My life has to get reorganized around this predictable event but nonetheless not intended.
I am refusing to surrender and this makes me unhappy. I know that it is me that has to change, to adapt, to accept, and till I give up there will be no progress and my serenity will elude me.

Quello che ho letto mi ha fatta riflettere e permesso se non proprio di accettare, almeno di considerare di accettare la situazione, il che per se rappresenta un enorme passo avanti, e già mi sento meglio disposta e più tranquilla.
What I read made me think and allowed me if not yet to accept, at least to consider accepting the situation. This in itself is an enormous step forward and I already feel better disposed and more peaceful.


Yin e yang: la ricerca delll'equilibrio
Yin and yang: finding the lost balance

2 commenti:

  1. sometimes we are just where we need to be to hear what the universe needs us to hear. then it's up to us. sometimes i find myself hearing it in various ways before i realize what it is i am hearing. and learning in the process. i was just visiting one of my favorite blogs- http://itode.wordpress.com/2010/09/05/innovation/
    and was reminded of something else- how we often have an experience and without giving ourselves some space and time to process it (by rushing off to the next thing) we rob ourselves of the full benefit of all the possibilities it has to offer us.
    balance was the word i chose at new years past to focus on. i won't say it hasn't been a bit of a struggle...
    ( http://shiborigirl.wordpress.com/2010/01/01/engendering-balance/ )

    oh- and the person who i was referring to in regards to giving up an idea was Jaron Lanier- his book "You Are Not a Gadget" has more of his interesting ideas on technology.

    RispondiElimina
  2. Io in circostanze analoghe ho tovato conforto nel ritagliarmi delle "sacche di normalità" nelle mie giornate stravolte, giusto per non perdere completamente l'equilibrio.

    RispondiElimina