'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

sabato 22 gennaio 2011

Fotografia contemplativa - ‘Contemplative photography’

DSCN6186Questo concetto per me del tutto nuovo per quanto riguarda la fotografia, l’ho trovato descritto sul blog di Penny Berens . Questa signora è un’artigiana tessile che vive in Canada, il suo blog è interessante, vario, mai noioso e la seguo da qualche tempo. Fa anche delle belle foto e l’altro giorno ha scritto di Miksang.

This is a complete new concept for me as far as photography is concerned and  I was introduced to it on Penny Berens ‘s blog. This lady is a textile artisan who lives in Canada, her blog is interesting, diversified, never boring and I am one of her followers. She also takes beautiful pictures and a few days ago she wrote about Miksang.


Miksang è una paola tibetana che significa ‘buon occhio’, dove buono significa che la mente è libera da preoccupazioni, rilassata ed aperta a quel che la circonda. Libera da ogni influenza negativa, da ogni vincolo di interpretazione e capace di percezione, così che il fotografo è in grado di cogliere l’intima essenza di un momento reale e vivido. Insomma quasi un attimo di meditazione prima dello scatto.

DSCN6199
Miksang is a Tibetan word that means ‘good idea’ where good refers to a mind free from worries, relaxed and open to what is around. Free from any negative influence, from any constraint of interpretation and able to be perceptive, so that the photographer is in the position of getting the intimate essence of a real and vivid moment. In a word, almost a moment of meditation before the click.


Non mi è chiaro se nella descrizione ‘scatto senza manipolazione’ intendono che non si possa ricorrere ad effetti speciali, luci, tagli, raddrizzamenti eccetra, niente photoshop insomma. Ho chiesto a Penny, sarebbe interessante sapere se è proprio così: un ritorno alle origini della fotografia?
Io intanto ci ho provato. Queste foto le ho prese dopo un momento di riflessione e non le ho ritoccate. Devo dire che questo esercizio mi è piaciuto in quanto mi ha permesso di notare cose che altrimenti non avrei mai notato.

DSCN6193
It is not clear to me if the phrase ‘straight shooting’  means that you can not use special effects like brightening, cropping or straightening, and so on, I mean no photoshop. I asked Penny, and it would be interesting to know if this is really what it means: going back to the beginning of photographing?
In the meantime I tried. I shot these photos after a moment of meditation and I didn’t touch them up. I have to say that I enjoyed this exercise because I was able to take not of things that otherwise I wouldn’t have noticed.


Per maggiori informazioni andate sul sito ufficiale.
For more information go on the official website.

   DSCN6195 DSCN6198

8 commenti:

  1. Contemplative photography deriva da un libro intitolato The little book of Contemplative photography, una recensione del quale mi è stata pubblicata qui: http://www.circolofotografico.eu/the-little-book-of-contemplative-photography/#more-880

    RispondiElimina
  2. Se vi interessa l'argomento andate a leggere questa recensione, molto chiara e ben fatta.
    Grazie, Signor Trincone, per questo suggerimento.

    RispondiElimina
  3. What a great concept! I do love those last two shots! :)

    RispondiElimina
  4. Hi Blandina,
    I am one of the 365 members in Ingrid's group. Love your photo and comtemplative photography. I am coming to Rome the second week of February. Any great tips you can pass on?
    Marji - Rain City Girl

    RispondiElimina
  5. ... foto contemplativa ... stiamo andando sul complicato.
    Ma ho letto l'articolo di Antonio e mi sembra di capire che il consiglio sia quello di non scattare 100 immagini stile "giapponese", ma di aprire gli occhi e cercare di fotografare il piacere che una visione ci regala.
    Interessante.

    RispondiElimina
  6. intere santi le tue foto. invece io sto diventando addita al photoshop.
    c'e una cosa che mi capita, l'immagine manipolata altera la percezione della realtà. dunque questa diventa meno reale nella nostra (mia?)percezione . come i fiori da plastico alla inversa.
    intellettualmente questo giocco di percezione m'interessa molto.
    grazie per il link!!

    RispondiElimina
  7. Ci sono stati altri interventi al di fuori dal blog. Sembra però sia opinione comune che l'importante sia cogliere l'essenza della realtà al momento dello scatto e che gli eventuali interventi successivi non siano rilevanti.

    There were other comments on my personal email address. Basically everybody agrees that it is important to get the essence of reality when you take the photo and that further adjustments 'such as hue, saturation, sharpening' are acceptable.

    RispondiElimina