'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

giovedì 29 marzo 2012

Sarò breve - ‘This will be short’

Ho passato diverse ore con Blogsy, oggi pomeriggio, cercando di carpirne i segreti più segreti  scrivendo un post che non vedrete mai. Perché ho dimenticato di salvare e quando ho pigiato ‘publish’ mi ha pubblicato una pagina bianca. Incredula, sbalordita,delusa.
E pensare che mi avevano chiesto di scrivere una recensione su questa app, e con che baldanza avevo commentato: semplice ed intuitivo. Questa non la posso proprio raccontare ai miei figli, mi prenderebbero in giro fino alla fine dei miei giorni.
Sicché sarò brevissima.

I spent several hours on Blogsy this afternoon, trying to grab its most secret secrets by writing a post that you will never see. Because I forgot to save and when I pushed ‘publish’ there was only a white page. Incredulous, flabbergasted, disappointed.
If you think that I received a request to write a review on this app, and how boldly I commented: simple and intuitive.
I can not tell what happened to my children, they would tease me till I die.
Therefore I will be very short.


DSC01995

Un vecchio tovagliolo di lino tinto con cavolo rosso e bagnato nell’aceto per ottenere le sfumature viola.
Il turchese è una tintura chimica ‘sbavata’ quando ho preparato il tessuto per questo.
Il ricamo mi è letteralmente uscito dalle mani, nonostante che inizialmente l’odore di cavolo e aceto fosse molto forte anche dopo ripetuti risciacqui.

 DSC02002  DSC01996 DSC02000


An old linen napkin dyed with red cabbage leaves, with added vinegar to obtain the purples.
The turquoise is a chemical dye, leaked when I prepared the fabric for this.
The embroidery literally flew from my fingers, in spite of the fact that initially the cabbage and vinegar smell was still overwhelming  after many rinses.

DSC01997 DSC01998 DSC01999

Torta Caprese – Caprese Cake
Ho fatto questa torta ieri, non ricordo assolutamente dove ho preso la ricetta.
Yesterday I baked this cake, I have absolutely no memory where I found it.

cioccolato da cuocere  180 g  cooking chocolate
       burro o margarina   180 g  butter or margarine
zucchero    150 g   sugar
  mandorle in polvere  180 g  ground almonds
      uova     6      eggs
lievito in polvere 1 cucchiaino, sale 1 pizzico
baking powder 1 teaspoon. salt 1 pinch

Sciogliere il cioccolato col burro. Intanto mescolare tutti gli altri ingredienti, poi aggiungere la miscela cioccolato/burro. Versare in uno stampo tondo ed infornare a 180°C per 45 minuti.

Melt the chocolate with the butter. Mix all the other ingredients, add the chocolate/butter mixture. Pour in a round mould, bake at 180°C for 45 minutes.

DSC01993

Volevo fotografarla intera, non sono arrivata in tempo!
I wanted to take a picture of the whole cake, I arrived too late!

sabato 24 marzo 2012

Avanzamento lavori - ‘Work in progress’

DSC01905Non ho pubblicato molto dei miei lavori ultimamente, ma potete immaginare che sono stata attiva come sempre. Sono una di quelle fortunate persone che non sia annoia mai, anzi caso mai mi manca il tempo per provare, fare e concludere tutto quello che vorrei sperimentare.
Nei giorni scorsi poi mi sono dedicata parecchio a capire l’uso del mio iPad e a come utilizzarlo al meglio. Ci sono quasi, ho trovato su YouTube dei video molto ben fatti che coprono quasi tutto quello che c’è da sapere. Per quel che non c’è…la fantasia aiuta.

Lately I didn’t publish much about my works, but as you can imagine I have been as active as always. I am one of those lucky persons who never gets bored, I rather lack the time of experimenting, make and complete everything that I would like to try. 
In the last days ma lot of my time was employed trying to understand how to use my iPad and how to make the best use of it. I am almost there, I found on YouTube some videos very well done who cover almost everything that I need to know. For what is not there…my imagination compensates.


DSC01907Durante il fine settimana passato ho giocato con della seta che avevo comprato per pochi soldi su di un banchetto, foglie di spinaci, bucce di cipolla, prezzemolo e foglie di eucalyptus raccolte l'estate scorsa in Sardegna.
È come un gioco, non si può prevedere cosa ne verrà fuori: l'attesa e la sorpresa fanno parte del gioco (e forse ne sono la parte più affascinante).

During the past week end I played with some silk that I bought on sale for few euros and spinach leaves, onion skins, parsley and eucalyptus leaves that I gathered in Sardinia last Summer.
It is like a game, you can not forecast what will come out: the wait and the surprise are part of the game (and perhaps the most fascinating one).
 
DSC01903

Ho imparato che l’eucalyptus secco dà solo vaghe ombre brunaste (non i bei colori che mi aspettavo dopo aver visto quel che riesce ad ottenere Nat), il prezzemolo non lascia traccia, mentre gli spinaci conferiscono un bel giallo verdino. Le bucce di cipolla sono le mie preferite, non solo per il colore che lasciano, ma anche per le forme.

I learned that dry eucalyptus only gives vague brownish shadows (not the beautiful colours that I was expecting after I saw what Nat is able to obtain), parsley doesn’t leave any trace, while spinach gives a nice greenish yellow. Onion skins are the best not only for the colour that they give but also for the shapes.


Vi ricordate quando ho pubblicato la foto dell'esagono? Bene, dopo molto fare e disfare ho finito la copertina. Per essere un oggetto un po' inventato non mi pare venuto male.
Do you remember when I publish the picture of of the hexagon? Well, after much doing and undoing I finally finished the afghan. It doesn’t seem too bad for something that has been somewhat invented.
 
DSC01957
 
Per quanto riguarda i preparativi per il mio attesissimo viaggio in Giappone, faccio mentalmente liste di quel che devo assolutamente portare e non dimenticare. So già che partirò con un bagaglio minimo dato che per i miei problemi di schiena non posso portare pesi, ma sicuramente porterò questi (appena finiti)…

As far as getting ready for my much awaited trip to Japan, I am mentally making lists of what I have absolutely to bring and not leave behind. I already know that I will be going with the smallest of baggages since for my back problems I can not carry heavy weights. By sure I will taking these (just off the needles)…


DSC01965

…e la mia nuova sciarpa di seta.
and my new silk scarf.
  DSC01982

mercoledì 21 marzo 2012

Mandy Greer

Sono andata a vedere le mostre in corso a Palazzo Strozzi: ‘Americani a Firenze’ e ‘American Dreamers’.
Ho passato quasi 5 ore tra una mostra e l’altra, le opere esposte sono di altissima qualità. Vi rimando ai siti ufficiali se volete maggiori informazioni, io ero interessata soprattutto all’opera di Mandy Geer, segnalatami da una gentile blogger (non ricordo purtroppo chi fosse).

DSC01941


I went visiting the present exhibitions in Palazzo Strozzi:  ‘Americani a Firenze’ and ‘American Dreamers’.
I spent nearly 5 hours between the 2 exhibitions, the works on show are of a very high quality. Have a look at the official websites for more information, I was mostly interested in Mandy Geer, whose work was pointed out to me by a kind blogger (who was she unfortunately I do not remember).
       DSC01944

Inutile dirlo, vero? Questa signora è una ‘fiber artist’ che usa soprattutto fibre nelle sue opere. Uncinetto, trecce, perline, tessuto, cuciture: tutto viene armoniosamente utilizzato per queste installazioni fantastiche che sembrano provenire da un mondo mitologico ed irreale.

DSC01939


Guess what: this lady is a fiber artist who mostly uses fibers in her artwork. Crochet, braids, beads, fabric, stitches: everything is harmoniously employed for these fantastic installations that seem to come from a mythological and dreamy world.


DSC01933
(per una magia fotografica il nero è diventato viola – some photographic magic transformed black into purple)


Consiglio una visita su Google Immagini, vedrete anche splendidi vestiti ed acconciature originali, un tripudio di colori, fantasia e manualità.
I recommend a visit to Google Images where you will be able to admire some wearable art, gorgeous dresses and brilliant hairdressings, a blaze of colour, imagination and skill.


DSC01946

sabato 17 marzo 2012

La prova - ‘The test’

La settimana è stata piena di impegni, spesso noiosi ma necessari. Sono arrivata a sabato molto stanca, per cui ho programmato un fine settimana tranquillo: nessun appuntamento, spesa fatta, niente programmi, molta indulgenza per me stessa.
Ho passato buona parte della giornata ad esplorare iPad e Blogsy. Ho capito tante cose, ho faticosamente scritto un piccolo post, per poi non esserne assolutamente soddisfatta e cancellare tutto. Ho ancora molto da imparare e come dicono le mie compagne di viaggio Jean e Nat, farò un uso migliore del mio tempo in Giappone.

DSC01887

The past week was full of engagements, often very boring but necessary. I arrived very tired to Saturday, therefore I planned a very quiet weekend: no appointments, shopping done, no programs, a lot of indulgence for myself.
I spent most of today to explore iPad and Blogsy. I understood so many things, I wrote a little post of which I was absolutely not satisfied so that I deleted it. I have so much to learn and as my travelling companions  Jean and Nat  said, I will make a better use of my time in Japan.


DSC01891

Il tempo è migliorato, fiori cominciano a spuntare dappertutto, c’è chi pensa che la primavera si già arrivata.  Dimenticano che è così ogni anno a marzo fa bel tempo poi fra aprile e maggio piove per giorni, così poi tutti dicono sospirando ‘Non ci sono più stagioni’. L’ho sentita una milione di volte questa frase, mi fanno così irritare i luoghi comuni.

The weather improved, flowers start blooming everywhere, some people think that spring has arrived. They forget that every year the month of March is lovely, then between April and May it starts raining for days and everybody sighing says : ‘There are no seasons any more’. I heard this phrase a million times, clichés make me angry.


DSC01898

Sto provando a fare i limoni conservati sotto sale, comunemente usati nella cucina marocchina.
Ho trovato come fare su questo interessante blog di cucina SpiceLines. C’è anche una lista di ricette in cui utilizzarli, lasciatevi tentare. Nel post successivo Courtenay suggerisce un primaverile risotto agli asparagi e limone che dev’essere squisito.

I am trying to make preserved lemons, that are largely used in Moroccan cuisine.
I found ‘how to’ in this interesting cooking blog SpiceLines. You will also find a list of recipes in which to use them, so let yourself be tempted. On the following post Courtenay suggests a springtime asparagus and preserved lemons risotto that must be a winner.
   DSC01892

Le Murate sono le vecchie carceri di Firenze, così chiamate perché in precedenza c’era un convento di suore di clausura. Il luogo è ristrutturato ed utilizzato per ogni sorta di eventi.
Le Murate: the building hosted the prisons of Florence but previously had been a monastery for cloistered nuns (murate = immured). The place is now restored and used for evey kind of events.

mercoledì 14 marzo 2012

The iPad!

DSC01880E’ arrivato ieri. Ho pensato a lungo prima di comprarlo sia per la spesa, sia perché per la mia scarsa propensione alla tecnologia ne sono intimidita. Ho un cellulare molto semplice ed essenziale, dico ridendo che è un prototipo medievale, ma soddisfa tutte le mie esigenze ed in più me l’hanno regalato i miei figli. Dunque passare all’iPad mi dà pensiero.

Ieri sera ho giocato un po’ col mio nuovo acquisto, meravigliandomi alla semplicità di utilizzazione (grande Steve Jobbs). ‘Mamma, è intuitivo’ mi disse per incoraggiarmi Primo Figlio, la prima volta che ne abbiamo parlato insieme qualche mese fa.

Mi sono decisa perché penso che l’iPad mi sarà utile durante i miei viaggi. Sono curiosa di vedere se riuscirò a tenere aggiornato il blog, c’è che dice di no, mi è stato consigliata l’app Blogsy: qualcuno mi può dare un’opinone per favore?

It arrived yesterday. I thought it over before buying the iPad first because of the expense and then because I feel very intimidated thanks to my  limited penchant for technology . I have a very simple and essential cell phone, I like to laughingly say that it is a medieval prototype, but it is perfect for my necessities and what is more important, my children gave it to me. Therefore going to use an iPad is worrying.


Yesterday evening I played for a while with my new purchase, marveling at how simple it is to use (great man Steve Jobs). ‘Mamma, it is intuitive’ told me as an encouragement First Son, when we spoke about this possibility some months ago.


I then took the decision because I think that the iPad will be useful during my trips. I am also curious to see if I will be able to update my blog, I was told ‘no way’, I read that that the app Blogsy is working well, is there someone able to give me an opinion please?

DSC01838

Dunque sto per aprire una nuova porta sul mondo, mi ispirerà com questa vista in un mucchio di rifiuti? Ma come si fa, dico io, a buttare una simila meraviglia…
Therefore I am going to open a new door on the world, will this new door be as inspiring as this one seen on the garbage heap? How is it possible to throw away such a textured beauty…

sabato 10 marzo 2012

Doni inattesi - ‘Unexpected gifts’

DSC01615E’ stata una settimana sorprendente sotto molti punti di vista: la visita ad un osteopata che ha ridotto considerevolmente il mio dolore alla schiena è stato l’avvenimento clou.

L’osteopatia è una disciplina a me sconosciuta fino ad oggi, ancora non ho capito come funziona, ma tutto sommato non ha importanza.  I dolori sono diminuiti, sto meglio, ho ritrovato l’ottimismo e guardo al futuro con positività (anche se ogni tanto sento sinistri scricchiolii nel mio corpo). Sopratutto mi sento più rilassata per il mio viaggio in Giappone, visto che mancano solo 35 giorni alla partenza.

For many reasons, it has been a surprising week: visiting an osteopath who considerably reduced the pain in my back has been the highlight event.
Osteopathy has been unknown to me till today, I have not fully understood how it works yet, but in the end it is not important. I have less pain, I feel better, I am more optimist and I am looking into the future with more positivity (although sometimes I hear a sinister creaking in my body). Most of all I feel more relaxed about my trip to Japan, since I will be leaving in 35 days.


Ho ricevuto in dono da un’amica un pacchetto contenente vecchie trine. Ce ne sono di spettacolari, quelle che vi mostro sono fatte all’uncinetto (credo).
Forse si trattava di prove o studio di motivi, è mia intenzione montarle in un quadretto come in un campionario.

   DSC01870DSC01864


From a friend I received a parcel containing old laces. Some pieces are spectacular, those that I am showing you are crochet made (I think).
Perhaps these were a kind of exercise or study of patterns, it is my intention to put them in a frame as a kind of sampler.

    DSC01868DSC01865

Ci sono anche dei bordi ricamati, la mia amica ha buttato via il tessuto consumato che vi era attaccato. Io avrei preso volentieri anche quello, il rammendo creativo solletica la mia voglia di sperimentare.
Quello a destra è una striscia ricamata lunghissima, probabilmente un nastro per chi sa quale uso.

   DSC01863 DSC01873    
There are a few embroidered borders, my friend discarded the used fabric attached to them. I would have liked to receive it as well, creative mending stimulates my wish to experiment.
The piece on the right is a very long embroidered band, maybe a ribbon for who knows what use.


affidabileUltimo non ultimo, il mio blogamico Soffio mi ha nominata per il premio conferito ai blog 100% affidabili. Soffio è uno psicoterapeuta che scrive di molte e varie cose, ne ammiro l’intelligenza, l’umorismo, la compassione. Non rientra nel genere che di solito leggo e seguo, ma proprio per le sue qualità mi piace: a volte mi fa ridere, a volte mi fa pensare.

Di solito rifuggo questo genere di riconoscimenti, e non mi faccio illusioni sulla loro ragione d’essere, ma mi sono ritrovata in queste due motivazioni: ‘mostra passione per l’argomento di cui scrive’  e ‘offre contenuti ed informazioni utili e originali’. Ed in più, Soffio mi ha voluto fare un onore.

Non avrebbe senso passarlo a qualcuno non italiano, quindi mi scuseranno le mie amiche straniere. Proprio per le motivazioni di cui sopra, nomino Conunfilo, L’alternativa e Italian Masala, tutte amiche che hanno qualcosa da dire.

I have been nominated by my friend Soffio, a psychotherapist who writes with wit, humour and compassion about many topics, for one of those online awards that I normally do not care to receive. Having said that, the reasons why I am passing the award are that I recognise myself in the motivation: writes with passion and about many useful and original issues. And also because Soffio wanted to honour my blog.
It is an Italian award so it has to stay in Italy (this makes my life easier, it would have been impossible to nominate only 5 trustworthy blogs among the many foreign interesting ones that I follow). If you want to see my nominees, just click on their names above.


DSC01851

domenica 4 marzo 2012

Camminare - ‘Walking’

DSC01827Camminare fa bene e tiene in forma, lo dicono tutti.
Una persona di circa 70 kg camminando per 40 minuti ad una velocità di 4 km/ora (di buon passo) brucia 150 calorie e 6 g di grasso. Se cammina a 6 km/ora, avrà bruciato le 150 calorie dopo 27 minuti, ma dopo 40 minuti i grammi di grasso bruciati saranno solo 3. Questo perché la fonte di energia utilizzata cambia a seconda del tipo di sforzo.

Interessante, no? Ho trovato questi dati in un articolo della Gazzetta dello Sport.
Insomma: chi va piano va sano e va lontano.

It is well known that walking is good for your health and keeps you in good shape.
A person with a weight of 70 kg (about 154 pounds) walking for 40 minutes at a speed of 4 km/hour  (2.5 mile/hour – at good pace) will burn 150 calories and 0.21 ounces of fat. If he walks at 6 km/hours (3.7 mile/hour) he will have burnt the 150 calories after 27 minutes, but after 40 minutes the burnt grams of fat will only be 3 (0.10 ounces). This happens because the source of energy changes according to the kind of effort.


Interesting, isn’t it? I found these date in an article of the Gazzetta dello Sport (in Italian).
In summary: slow and steady wins the race.


DSC01825Tutta questa premessa per segnalarvi un delizioso post scritto da Annette sul suo blog My rose valley in cui ci invita per l’appunto a muoverci di più ed a camminare almeno 15 ‘ al giorno. Anche per chi ha moltissimo da fare, tra lavoro fuori casa e quello in casa, 15 minuti dovrebbero essere possibili.
Seguo da qualche tempo questo blog pieno di colore, belle foto, tessuti e uncinetto. Annette è una giovane signora svedese con tre bambini, sposata ad una americano e che vive in Svizzera.

All these preliminary remarks to bring to your attention a delightful post written by Annette on her blog My rose valley in which she invites us to move a bit more and walk at least 15 minutes a day. Even for those who are very very busy with a work outside home and the work at home, 15 minutes should be possible.
I have been following this blog for a while, it is full of colour, nice pictures, fabrics and crochet. Annette is a young mother of 3, married to an American guy and living in Switzerland.


DSC01831A proposito di uncinetto, l’ultima volta che sono stata alla casa di riposo a lavorare a maglia con gli anziani (ne ho parlato in questo post), mi hanno dato questo esagono lavorato a maglia chiedendomi se ci potevo ricavare qualcosa.

Trovo molto bello questo punto, che non conoscevo per niente e prego chi lo conoscesse di segnalarmi come si faccia o dove trovare le spiegazioni per farlo.


DSC01833E’ un peccato non utilizzare questo esagono ed ho cominciato a circondarlo di una semplice maglia alta. Ma siccome trovo il lavoro monotono e tedioso, sto facendo dei quadretti all’uncinetto trovati su questo libro del 1963.

Speaking about crochet, the last time that I went to the retirement home to knit with the elderly (I spoke about it in this post), I was given this knitted hexagon asking me if it could be of some use.


DSC01832I find this stitch very beautiful, I have never seen it before and will you please tell me how to do it or where to find the explanations to knit it.


It is a pity not to use this hexagon and I started making some double crochets (trebles for the British), but I find this monotonous and boring, therefore I am crocheting some squares found in this book dated 1963.

Le foto sopra le ho fatte durante la mia passeggiata di stamani, vicino a Palazzo Pitti.
Questa è via del Ronco, dietro al muro in fondo c’è il giardino di Boboli.
I took the above pictures during my morning walk, near Palazzo Pitti.
This is via del Ronco, beyond the wall lie the Boboli Gardens.

    DSC01829

venerdì 2 marzo 2012

Di carciofi e dottori - ‘Of artichokes and doctors’

Ho fatto ancora un po’ di ecodyeing. Per chi non lo sapesse questa tecnica di tintura utilizza materiali naturali, come foglie e spezie, con sistemi che hanno un basso impatto sull’ambiente, come la bollitura o l’esposizione al sole.
Una volta che i ‘fagotti’ hanno subito il trattamento, aprirli e vedere cosa è successo al tessuto è entusiasmante.
Mi piace la casualità che si ottiene e che i risultati molto spesso non siano permanenti nel tempo ha per me
poca importanza, perché io uso le macchie per ricamarci sopra.

I have attempted a little more ecodyeing. For those who do not know, this is a dyeing technique that utilises natural products, like leaves and spices, together with low impact processes like boiling or exposition to the sun.
Once the bundles have been through treatment, it is thrilling opening them to see what happened to the fabric.
I like the obtained randomness and I am not really interested if the results are not permanent since I embroider on the stains.


DSC01792

Questo l’ho ottenuto usando foglie di carciofo e tè, arrotolate in un pezzo di cotone oramai reso morbido come seta dall’uso. La foto non rende la ricchezza di sfumature tra il giallo, il verde ed il bruno. Una meraviglia.
L’ho poi montato in una copertina per il diario che porterò con me in Giappone (mancano oramai 6 settimane alla partenza).

Here I have used artichoke and tea leaves, wrapped in a piece of cotton so old that it is as soft as silk. The picture is unable to show the richness of nuances passing from yellow to green and brown. Terrific.
I made a book cover for the journal that I am going to take to Japan with me (only 6 weeks before I leave).

DSC01808

Un’altra copertina l’ho fatta negli ultimi giorni per Brunella, che mi aveva dato un pezzo di tela con la quale aveva pulito i pennelli. Ricamare attraverso il tessuto reso duro dai colori non è stato facile, per cui ho dovuto limitarmi a pochi punti.

Lately I made another book cover for Brunella that gave me a piece of fabric that she had used to clean the brushes. It wasn’t easy to embroider on this fabric so hard because of the colours, therefore I had to use less stitches.


    DSC01761DSC01786

La settimana scorsa ho fatto la risonanza magnetica per vedere a che punto fosse la mia schiena, visto che ultimamente i dolori sono stati fortissimi. E’ venuto fuori che soffro di spondilo-artrosi.
Il mio medico, a cui ho portato la diagnosi ed a cui ho chiesto cosa potessi fare per migliorare la qualità della mia vita, mi ha detto seccamente:
‘Non c’è niente da fare, ringrazi il cielo che ancora può camminare e che non ha il cancro.’
Ovvio che sono grata che la situazione non sia peggiore, ma sono rimasta male, lo confesso, per questa brusca risposta, è il mio medico da venti anni e non mi aveva mai parlato così. Magari era solo dispiaciuto per me, e voleva trasmettermi il messaggio che mi devo tenere i miei dolori, e che potrebbe esserci di peggio.

Last week I had a magnetic resonance to see at what point is my back, since lately I had excruciating pains. It came out that I suffer from spondylo-arthrosis.
My GP, to whom I took the results and that I consulted to see what I could do to improve the quality of my life, very drily said:
There is nothing you can do, be grateful that you can still walk and that you do not have cancer.’
Obviously I am grateful that the situation is not worse, but I have to confess that I was taken aback by this abrupt answer, he has been my GP for the last 20 years and he never spoke to me so.
Maybe he was only very sorry for me and wanted to give me the message that I have to live with this pain, and that there could be worse.
 DSC01794    
Mi rasserena vedere che la primavera sembra alle porte e certe vetrine si vestono di nuovo.
It cheers me up that Spring is at the door and some shop windows seem to reflect it.