'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

venerdì 29 giugno 2012

Un pacco - ‘A package’

Ieri è finalmente arrivata, una scatola dal Giappone mandata da Bryan. Una delle cose che abbiamo fatto a Fujino è stato tingere delle matasse di cotone nell’indaco, bagni successivi e in numero diseguale in modo da avere una gran varietà di colorazioni.

DSC02806


It finally arrived yesterday, a box from Japan sent by Bryan. One of the things we did when in Fujino was to dye shanks of cotton in indigo, several baths and several times, almost randomly in order to have a great variety of colouring.


La scatola di per sé era un’opera d’arte, così piena di francobolli che mi sono chiesta se fossero veri, o materiale publicitario. Io ho apprezzato la serie di delicati fiori, mentre Seconda Figlia è impazzita per Dragon Ball.

The box in itself was a work of art, covered with so many stamps that I wondered if they were advertisements. I particularly liked the delicate flowers, while Second Daughter went wild for Dragon Ball.


  DSC02807   DSC02808

Il tessuto è un jersey tubolare piuttosto spesso. Bryan ha suggerito di farci dei pigiami, io invece ho altri progetti.
Solo a guardare queste righe mi sento trasportata indietro nel tempo e nello spazio. E dire che avevo promesso a Giovanna, che mi aveva affettuosamente rimproverata, di non parlare più del Giappone!

DSC02810


The fabric is a rather thick tubular jersey. Bryan suggested to make pajamas, I have other projects.
Just looking at these tiny strips I am transported back in time and space. I had promised to Giovanna, who kindly scolded me, not to speak about Japan any more!


master knitter
Ecco il ‘Master Knitter’ con una delle pezze prima che venisse tagliata.
Here is the ‘Master Knitter’ with one of the bolts before it was cut.

lunedì 25 giugno 2012

Marilyn

DSC02791Che dire di Marilyn Monroe che ancora non sia stato detto? Ricorrono quest’anno cinquan’anni dalla sua scomparsa. Io ero piccola davvero, appena 9 anni, ma  il ricordo è vivissimo, Di quella donna bellissima e scandalosa non sapevo praticamente niente, tuttavia quel suo morire sola mi aveva colpita. Aver lasciato quel suo corpo esanime ed indifeso coperto da un lenzuolo, sotto il quale me la immaginavo nuda, mi ha lasciato negli anni un senso di fragilità, di intimità violata.

What could I say about Marilyn Monroe that hasn’t been said yet? This year is the fiftieth anniversary of her death.
I was really young, barely 9 years old but I have a very vivid memory of that day. I didn’t know much of that beautiful and scandalous woman, but I was struck by her lonely death. That she left her lifeless  and unprotected body, that I imagined naked under the sheet, caused in me a feeling of fragility and violated intimacy that is still with me.


DSC02785

Il Museo Ferragamo dedica a Marilyn una favolosa mostra: foto, filmati, abiti di scena e non, ovviamente scarpe,
Marilyn  amava un modello di scarpe molto semplice, un décolleté dal tacco 11 cm che acquistava a New York o si faceva venire dall’Italia. Di fatto lei e Salvatore Ferragamo non si sono mai incontrati.

   DSC02800DSC02787


The Museo Ferragamo dedicates to Marilyn a fabulous exhibition: photographs, videos, personal and stage clothing, and of course shoes.
Marilyn loved a very simple model, a court shoe with 11 cm (4,33 inches) heel that she bought in New York or had dispatched from Italy. As a matter of fact she never met Salvatore Ferragamo.

DSC02786

Vi ricordate le immagini del compleanno del Presidente John F. Kennedy al Madison Square Garden?
Di una sensualità unica. Come si sarà sentita la povera Jacqueline ad una simile performance che davvero non lasciava molto spazio all’immaginazione.



Do you remember the images of President John F. Kennedy’s birthday at the Madison Square Garden?
So sensual. How must have felt poor Jacqueline watching this kind of performance that didn’t leave much space to the imagination.
     DSC02793

La mostra è splendida, con opere classiche affiancate alle foto della diva, e si conclude con la sorprendente e commovente ricostruzione del letto su cui una forma umana  giace sotto il lenzuolo bianco.
Le vetrine di Palazzo Feroni allestite per l’occasione sono una più bella dell’altra. E le scarpe? Da prenderle tutte.

The exhibition is splendid, with  classic works juxtaposed to the diva’s photographs, and it ends with a surprising and very moving reenactment of a bed on which a human shape lies under a white sheet.
The windows of Palazzo Feroni dressed for this occasion are one more beautiful than the other. And what about shoes? You would wish to have them all.


DSC02796

mercoledì 20 giugno 2012

Estate - ‘Summer’

Il caldo ci ha colpiti all’improvviso, intenso e violento. Il mio corpo sopporta male temperature di 35-36°C, le estremità mi si gonfiano tanto da non potere mettere i sandali (sembra che sia l’artrite) e la pressione si abbassa.
Mi sento pigra, svogliata, sofferente. Mi alzo presto la mattina per godere del fresco della notte, ed esco per fare le mie commissioni. Mi piace andare al mercato di Sant’Ambrogio dove in questa stagione vi è un tripudio di colori e di abbondanza. Finito il tempo delle mele e delle arance conservate per mesi, o spedite da lontano, la  frutta fresca ammicca dai banchi, invitante, e talvolta ne compro più del necessario.

DSC02743DSC02741DSC02742


Heat suddenly struck us, intense and violent. My body doesn’t take well temperatures of 35-36°C (95-97°F), hands and feet bloat so that I can not easily wear sandals (apparently this is caused by arthritis) and the blood pressure lowers.
I feel lazy, listless, suffering. I get up early in the morning to enjoy the cool air of the night, and I go out for my errands. I like to go to Sant’Ambrogio market where in this season there is a blaze of colours and abundance. The season of apples and oranges preserved for months or shipped from afar is over, freshly picked fruit winks from the booths, inviting, and sometimes I buy more than I need.


DSC02751DSC02744DSC02749

Chissà che delizie potrebbe proporre la mia blogamica Courtney di Spicelines, che nel suo blog scrive di ricette insolite, documentate da approfondite ricerche ed illustrate da splendide foto.
I wonder what delights would my blogfriend Courtney propose, who in her blog Spicelines wrights about unusual recipes, documented with extensive research and matched with beautiful pictures.

DSC02740

Qualche giorno fa questo giovane sudamericano deliziava i passanti in piazza Santo Spirito ballando sotto il sole cocente con questi suoi due compagni. Firenze di questi tempi è piena di individui di ogni età, nazionalità e provenienza che chiede l’elemosina, a volte con insistenza, mettendo in bella mostra piaghe e deformità. Mi resta difficile commuovermi per questa gente, mentre qualche moneta a musicisti e saltimbanchi la do quasi sempre. Col loro lavoro mi offrono l’opportunità di un sorriso, ed io l’apprezzo.

A few days ago this young Southmerican delighted the people passing by in Santo Spirito square, dancing under the burning sun with his 2 companions. In these days Florence is full of people of every age, nationality and provenance begging for charity, sometimes with insistence, showing sores and deformities. I find difficult to be moved by them, while very often I give a few coins to musicians and acrobats. With their work they offer the opportunity of a smile, and I appreciate it.


A proposito di sorrisi, dimentico sempre di menzionare la mia giovane amica Piccikka, architetto ed illustratrice che mi ha conferito ben due premi, e non ho mai parlato di lei. Il suo blog è pieno di fantasia, è una pausa felice per lo spirito. Le sue illustrazioni sono divertenti, ingenue ed acute al tempo stesso, e davvero strappano il sorriso.

Speaking of smiles, I forgot to mention before my young friend Piccikka, architect and illustrator, who gave me 2 awards, and I never spoke about her. Her blog is full of imagination, is a happy break for the soul. Her illustrations are amusing, naive and clever at the same time, and will put a smile on your face.


DSC02781

Sto cercando l’ispirazione per un certo progetto, una piccola installazione per la mostra alla quale sono stata invitata a partecipare. A volte mi intoppo e penso che non ci sia via d’uscita. L’ispirazione è come un fiume: o scorre in modo incontenibile e travolgente. Oppure è come un rivolo insignificante che si perde nel letto ghiaioso.

I am looking for inspiration for a certain project, a little installation for the exhibition where I was invited to exhibit. Sometimes I get stuck and I think that there is no way out. Inspiration is like a river: either flowing in a wild and roaring way. Or it is like a meaningless trickle that gets lost in its gravelly bed.


Ho ricevuto posta, è così raro di questi tempi ricevere una busta che già di per sé è una sorpresa ed una delizia.
Quando poi viene dal Museo del Tessuto di Lione….grazie Kirsty!
I received mail, it is so rare in these days to receive an envelope that it is in itself a surprise and a delight.
What a treat when it comes from the Textile Museum of Lyons…thank you Kirsty!

. DSC02736

mercoledì 13 giugno 2012

Casa - ‘At home’

DSC02619Sono rientrata da qualche giorno, questa volta riadattarmi all’ora italiana è stato lungo e difficile, chissà perché.

Quello che più mi piace quando torno è rivedere gli altri figli, ed avere lunghe conversazioni telefoniche con Prima Figlia che mi aggiorna sulla sua vita a Milano.

Mi piace moltissimo però entrate nel mio appartamento e sentire di essere in un posto protetto, intimo, familiare. Un luogo sicuro, il mio rifugio, il mio porto nella tempesta.

I have been back for a few days now, this time it was tough to readapt to the Italian time, I wonder why.
What I love most when I am back is meeting with my other children and having long phone conversation with First Daughter who tells me the latest news about her life in Milan.
I do love entering my flat and feeling that I am in a sheltered, intimate, familiar place. A safe spot, my haven, my harbour in the storm.


Qualche tempo fa ho accennato che ero stata invitata ad entrare in un gruppo internazionale di quilters, tutte molto più brave di me, con l’intento di creare un blocco ogni due mesi su di un tema comune. Ho raccolto l’invito, mi ha stimolata l’idea di dover concentrare la mia immaginazione su di un tema predeterminato. Il primo è stato ‘Home’ e se potessi vi farei vedere con cosa sono venute fuori le altre signore.

Some time ago I briefly mentioned that I had been invited to join an international group of quilters, all more experienced than me, with the purpose of creating  a block every 2 months. I accepted the invitation since I was stimulated by the idea of concentrating my imagination on a predetermined theme. The first one was ‘Home’ and if I could I would show you what the other ladies produced.


DSC02620

Il mio blocco è molto semplice, sono partita dalla mappa della zona in cui vivo, ho delineato le strade, i tetti ed i giardini, li ho riprodotti in tessuto ed ho ricamato i nomi delle strade.
In alto c’è il fiume Arno (dalle acque torbide e melmose), con la riva verde di vegetazione e poi il lungarno.
Là dove vivo ho messo un gran cuore rosso, perché ‘la casa è dove il cuore è’.

My block is very simple, I started from the map of the area in which I live, I outlined the streets, the roofs, the gardens, I reproduced them in fabric and embroidered the names of the streets.
At the top there is the river Arno (brownish and muddy), with the green riverbank and then the 'lungarno' which litterary means 'the street along the Arno'.
I put a big red heart where I live, because ‘home is where the heart is’.

DSC02618

A propostito di semplicità mi è capitato di vedere dei quilt molto vecchi in una delle mie esplorazioni a Los Angeles. Ho notato l’uso di tessuti scarsamente coordinati, perché allora si utilizzava quello che c’era in casa e si riciclava davvero. Nel mio blocco al contrario, per quanto io abbia usato quello che avevo in casa, di tessuti riciclati ce ne sono solo due.
Quanto ai punti, i miei sono altrettanto imprecisi quindi mi sento meno colpevole…

DSC02661


Speaking about simplicity, I came across very old quilts in one of my explorations in Los Angeles. I observed the use of scarcely coordinated fabrics, because at that time women used what they had at hand and they recycled indeed. In my block on the contrary, although I used my stash, there are only 2 fabrics that are recycled.
About the stitches, mine are as imprecise therefore I feel less guilty…


DSC02664

lunedì 4 giugno 2012

Giappone a Los Angeles

Non poteva mancare una visita al Japanese Pavillon del Lacma. Naturalmente c'ero già stata ma questa volta ho visto gli oggetti esposti con un altro occhio ed un'altra comprensione.

I could not fail to visit the Japanese Pavillion at Lacma. Of course I had already been there but this time I saw the exhibited objects with another eye and another understanding.

Queste porcellane sono del tipo conosciuto come Nabeshima, eseguite nella prima meta del '800. I Nabeshima erano un clan di samurai che aveva Il controllo della produzione, utilizzata da loro stessi o regalata ad appartenenti di altri potenti clan. Le porcellane dovevano essere assolutamente perfette, quello che non lo erano venivano distrutte. Sono dunque rare e preziose; sono caratterizzate da delicatezza di forme, purezza di colori e disegni particolari.

 

This porcelain is known as Nabeshima porcelain, produced in the first half of the 19th century. The Nabeshima was a clan of samurai who had the control of the production used by themselves or given as a gift to lords belonging to other very powerful clans. The porcelains had to be absolutely perfect, those who weren't were destroyed. Therefore they are rare and precious; they are characterized by delicacy of shapes, purity of color and particular patterns.

La porcellana è sempre stata la mia passione ed in casa mia fino a poco tempo fa non c'era altro. Ma recentemente ho cominciato ad apprezzare altre forme di ceramica come il grès ed il raku.

 

Porcelain has always been my passion and until a short time ago nothing else was found in my home. Recently I started to appreciate other kind of ceramics like vitrified earthenware and raku.

Guardate che delizia quel sacchettino di tela, ne ho uno cominciato a Fujino che, con mia grande vergogna, ancora non ho terminato.

Look how pretty the little cloth bag is, I have a similar one that I started if Fujino and that, to my great shame, I haven't finished yet.




Ma la più grande meraviglia in esposizione era questa, un kimono cerimoniale portato in America da una sposa. Lascerò le immagini parlare per me.

The greatest of wonders that I saw was this ceremonial kimono that was brought in the United States by a bride. I will let the pictures talk for me.