'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

domenica 30 settembre 2012

Stordita - ‘Dazed’

DSC03515Nelle ultime due settimane sono successe tante di quelle cose che mi pare di essere passata sotto uno schiacciasassi emotivo. Non ho avuto tempo di fare nulla di creativo, che è la mia valvola di sicurezza ed è un po’ come dare da mangiare alla mia anima. Mi sento arida, svuotata, stordita.

So many things happened in the last 2 weeks that it seems to me that I have been crushed by an emotional roadroller. I had no time to do anything creative which is my escape valve and is a kind of food for my soul. I feel dry, empty and dazed.

Prima di tutto lasciare Seconda Figlia in Inghilterra non è stato facile. Non è tanto il fatto di sentire la casa ‘vuota’ anche perché ultimamente non è che passasse molto tempo con me, quanto prendere coscienza della fine di un’epoca: i miei figli sono tutti grandi, il mio lavoro di educatrice è finito.
Giro pagina, comincio un’altra fase della mia vita. Non mi spaventa, ho molti interessi, molti amici, tanti progetti e tanti sogni. Tuttavia questo passaggio, come tutti i cambiamenti, mi rende trepidante e richiede una buona dose di adattamento.

First of all leaving Second Daughter in England wasn’t easy. It is not the feeling of the ‘empty nest’, since she didn’t spend much time at home anyway, as the consciousness of the end of an era: my children are all grown up and my work as an educator is over.
I am turning a page and starting a new phase of my life. I am not frightened, I have plenty of interests and friends, I have projects and dreams. Nevertheless this passage, like all changes, makes me anxious and requires a good amount of adapting.

innamoratiNegli stessi giorni, appena prima di venirci a trovare in Italia, Primo Figlio ha annunciato il suo fidanzamento con la deliziosa futura nuora: sapevo che sarebbe successo e speravo che avvenisse quanto prima. Però  non mi aspettavo che anche la gioia potesse avere un tale peso sull’anima, che andasse elaborata ed accolta, come ogni altra emozione forte.
Dunque i due fidanzati sono stati ospiti a casa mia, inutile dire che i giorni sono volati, quasi non mi capacito che la visita sia quasi alla fine.

In the same days, just a few days before coming to Italy, First Son announced his engagement with my delightful future DIL: I knew that it was coming and I hoped that it would soon happen. But I didn’t expect joy to put such a load on the soul, that it would have to be processed and received as any other strong emotion.
So the newly engaged have been staying in my flat, it goes without saying that the days flew and I can not believe that the visit is almost at an end.

DSC03517Venerdì sera sono arrivate Prima e Seconda Figlia, mentre io ero impegnata in una splendita serata che avevamo organizzata per raccogliere fondi per la AFJ. Abbiamo goduto di squisito cibo dello Sri Lanka (posso dirlo? abbiamo mangiato meglio che sul posto!) e di danze tipiche eseguite da un terzetto di fanciulle belle, giovani e molto brave.

Friday evening First and Second Daughter arrived, while I was busy with a great evening organised to raise money for AFJ. We enjoyed delicious srilankan food (may I say that  it was nicer than the one eaten on place!) and typical dances performed by 3  handsome and very able young ladies.

DSC03536Sabato sera erano tutti a cena da me: 4 figli, una fidanzata e 2 boyfriend. Orgoglio di mamma, mi hanno riempito il cuore di calore, era una gioia vederli finalmente tutti insieme di nuovo.

Saturday evening we had a dinner at home: 4 children, one fiancée and 2 boyfriends. I was a very proud Mamma and my heart was full of warmth, it was such a joy to finally see all of them together.

La notte passata sono riuscita a dormire bene, dopo molte notti di sonno agitato. Stamani ero riposata e rilassata, ho fatto colazione con animo sereno, pronta per affrontare più tardi le prime partenze.
In realtà mi sono sopravvalutata, il distacco è stato più doloroso del previsto. Mi abituerò mai a vedere ripartire i miei figli?

Last night I was able to sleep well, after many nights of anxious sleep. This morning I was rested and relaxed, I breakfasted with serenity, ready to face the first departures.
In fact I overestimated myself, letting go was more painful than I thought. Would I ever get used to see my children leave?
 DSC03534

sabato 22 settembre 2012

Improvvisamente Londra - ‘Suddenly London’

Sono stata ad accompagnare Seconda Figlia all’università in Inghilterra, un viaggio non programmato resosi necessario da un imprevisto. Non che mi possa lamentare però, perché Londra è sempre Londra: eccitante, stimolante, mai uguale. Non ci ero stata da 9 anni, ed ho trovato una città pulsante di vita ed in evoluzione.
Avevamo preso in affitto un piccolo appartamento nel sud-est, proprio sul Tamigi e questo era quello che vedevamo dalle nostre finestre.

I went with Second Daughter to England where she started studying at university, a sudden trip that became necessary as a consequence of unforeseen events. I can not complain though since London is always London: exciting, stimulating, never the same. I hadn’t been there for 9 years and I found the town pulsating with life and in evolution.
We rented a small flat in the South-East and this is what we could see from our windows.

DSC03457

La domenica siamo state alla Renegade Craft Fair che devo dire non mi ha particolarmente colpita. Forse perché adesso con internet e tutte le immagini che circolano è difficile trovare qualcosa di diverso ed originale. Bravi artigiani, senza dubbio, ma insomma niente di particolare da segnalare.
Tuttavia ho comprato della lana filata a mano, per dare il mio contributo a sostenere il prodotto locale ed il ‘fatto a mano’.

On Sunday we visited the Renegade Craft Fair  that to tell the truth didn’t particularly strike me. Maybe because now with internet and the circulation of images it is difficult to find something different and original. Good craft people with no doubt, but frankly nothing special to report.
Nevertheless I bought a skein of hand spun wool, to give my contribution in supporting the local products and the ‘hand made’.

DSC03500

Maggior ispirazione l’ho trovata per esempio da Anthropologie:
Greater inspiration I found for instance at Anthropologie:

DSC03482

O per strada, nella Monmouth Street…
Or on the street, in Monmouth Street…

DSC03488

…dove siamo andate a visitare il negozio di Gundrun Sjoden, che offre capi d’abbigliamento colorati, comodi e, purtroppo, molto leggeri per i nostri inverni. Forse vanno bene per il nord Europa dove le case sono scaldatissime. In ogni caso fuori dal negozio c’era questo:

where we went to visit Gundrun Sjoden’s shop, that offers colourful and  comfortable clothing, unfortunately not warm enough for our winters. Perhaps they are fine in northern Europe where houses are super heated.
Anyway this is what was out of the shop:

    DSC03489DSC03491

Non poteva mancare una vista al Victoria & Albert e se davvero vogliamo parlare di ispirazione, la mostra su Heatherwick Studio ci ha colte di sorpresa per la genialità dei progetti.
Per restare nel classico, non potevo non visitare le sale dedicate ai tessili ed ammirare questo squisito ricamo indiano.

We couldn’t fail to visit the  Victoria & Albert and if we really want to talk inspiration, the exhibition on Heatherwick Studio took us by surprise for the ingenuity of the projects.
To be closer to tradition, I could not miss to visit the textiles rooms and admire this exquisite Indian embroidery.

   DSC03469

lunedì 10 settembre 2012

Cambio di stagione - ‘Change of season’

Non ancora, ma molto presto.
Questi paralumi lavorati all’uncinetto mi hanno fatto sorridere: che si preparino all’inverno anche loro?

Not yet, but very soon.
I had to smile when I saw these crocheted lampshades: are they getting ready for Winter as well?

DSC03447

Sembra che il marrone dorato sarà il colore dell’autunno, a giudicare dalle vetrine in giro. Un po’ il colore della carta usata per fare il katazome. Il succo di diosperi non maturi viene usato come tintura anche per fibre o tessuto. Esposto alla luce del sole, assorbe i raggi ultravioletti e diventa di un caldo colore come questo filato. La foto l’ho presa dal blog di Neki Desu.

Looking around it seems that the Fall’s colour will be a kind of golden brown. More or less the colour of the paper used for making katazome. The juice of unripe persimmons is used as a dye also for fiber or fabric. Once exposed to sun light, it absorbs the UV rays and changes into a warm colour like this yarn. The picture comes from Neki Desu’s blog.

a month  later
 Questa è una delle interpretazioni di Ferragamo. This is one of Ferragamo’s interpretations.

DSC03451

Qualcuno si chiederà perché spesso mostro foto di Ferragamo. Non sono pagata per farlo, né sono imparentata con la famiglia, però trovo che le vetrine siano fatte con estremo buon gusto, e per la maggior parte delle volte gli oggetti esposti siano squisiti (in più da quel che mi risulta la produzione è eseguita in Italia).
Che ne dite di una borsa a forma di zucca?

Someone will wonder why I often show pictures of Ferragamo’s articles. I am not paid to do so, neither I am a member of the family, but I find that the windows are in extremely good taste and most of the time the objects shown are exquisite (furthermore from what I know the production is done in Italy).
What do you think of a bag that looks as a pumpkin?

DSC03454

Questi stivaletti con la pelliccia sono un po’ più raffinati di quelli che ultimamente si vedono in giro…
These fur lined boots are a bit more sophisticated than those lately seen around…

DSC03452  DSC03455   
E voi, siete pronti per il cambio di stagione?
What about you, are you ready for the change of season?

mercoledì 5 settembre 2012

Frutta cotta - ‘Compote’

Mia nonna paterna era una donna silenziosa, chiusa in se stessa. Non era affettuosa né materna, una di quelle nonne che avrebbe avuto il corpo morbido, soffice ed accogliente se solo fosse stata incline a prenderci in braccio e coccolarci.
Con la seggezza della mezza età mi sono chiesta più volte se il muro che aveva eretto intorno a sé non fosse una protezione contro certe dinamiche familiari dolorose delle quali qualcosa sapevo o intuivo. Non ho mai indagato, allora non sapevo nemmeno guardare dentro me stessa, figuriamoci dentro un altro essere.

DSC02741

My paternal grandmother was a silent and withdrawn woman. She wasn’t loving nor maternal, one of those grandmothers that would have had the right smooth, soft and welcoming body if she only had been inclined to pick us up for a cuddle.
With the wisdom that comes from middle age, several times I asked myself if the wall that she erected around herself was in fact a protection against certain painful familiar dynamics of which I knew or grasped very little. I never inquired, at that time I didn’t know how to look into myself, let alone into another human being.

DSC03419

La nonna mi ha insegnato a cucire ed a lavorare a maglia. Ricordo quei pomeriggi estivi assolati in cui strappava un pezzo di una vecchia camicia e pazientemente mi mostrava i punti per orlarlo. O quando tirava fuori quei suoi sottilissimi aghi da maglia, credo di acciaio, con cui aveva lavorato calze e maglie per la famiglia durante la Seconda Guerra. Poco sapevo che mi stava fornendo una ciambella di salvataggio per il mio futuro.

My grandmother taught me how to sew and how to knit. I remember those sunny summery days in which she tore a piece of an old shirt and with patience showed me the stitches to hem it. Or when she took her extremely fine knitting needles, I think they were steel needles, with which she knitted socks and undershirts during WWII for the whole family. Little I knew that she was giving me a lifebelt for my future.

DSC03420

La nonna amava molto la frutta cotta. La faceva estate ed inverno, anche perché avevano tanti alberi da frutta in costante produzione. Mondava la frutta, eliminando l’inevitabile bachino e la metteva in pentola con un po’ di zucchero, copriva e faceva cuocere. Molte volte se ne dimenticava, e l’odore amarognolo di zucchero bruciato  permeava tutta la casa. Quando non la bruciava, me la dava da mangiare ma non mi piaceva quella massa dolce e viscida che non sapeva di niente.

My grandmother loved compote very much. She prepared it in Winter as in Summer since they had plenty of fruit trees in constant production. She cleaned the fruit discarding the always present little worm and put it in a pan with sugar, she covered with a lid and cooked. Many times she forgot about it and the bitter smell of burnt sugar spread in the house. When it wasn't  burnt I was invited  to eat it but I didn’t like the sweet and slimy blob that had no real taste.

DSC03421

Tutt’altro sapore è la composta che ho preparato l’altro giorno ispirata da questo post dell’infaticabile Courtenay.
Ahimè non avevo fichi né buccia di arancia, non cucino col vino ma avevo la cannella di Ceylon: tanto mi è bastato per lanciarmi in queste:

Pesche aromatiche in composta

2 belle pesche lavate e tagliate a spicchi    
1 cucchiaio di miele di melata o altro miele     
buccia grattata di 1 limone
1 pezzetto di cannella 
Mettere tutti gli ingredienti in una pentola con un quarto di bicchiere di acqua, cuocere a fuoco vivo per 5 minuti Coprire abbassare la fiamma e cuocere per altri 10 minuti.
Squisite con yougurt, gelato o anche da sole.

DSC03442    
A completely different flavour had the compote that I prepared a few days ago, inspired by this post written by the tireless Courtenay.
Alas I had no figs, nor orange zest, I do not cook with wine but I had Ceylon cinnamon: it was enough to try this:

Spiced compote of peaches

2 medium peaches, washed and cut in wedges
1 tablespoon of honeydew honey or other honey
the grated zest of 1 lemon
1 piece of cinnamon
Put all the ingredients into a pan with 1/4 cup of water, cook on high flame for 5 minutes. Cover with a lid, lower the heat and cook for further 10 minutes.
Delicious with yogurt, ice cream or even by themselves.

   DSC03422

sabato 1 settembre 2012

Il diario - ‘The journal’

DSC03440Da quando avevo 9 anni ho quasi sempre tenuto un diario durante i miei viaggi; li conservo tutti insieme su un ripiano della libreria. A volte li rileggo, soprattutto i più vecchi, e sorrido alle innocenti avventure della giovane donna che ero. Ma scrivere tutti i giorni durante un viaggio è un impegno costante, un’attività che va fatta in silenzio e che isola. E poi per quanto mi piaccia scrivere, in questa fase della mia vita mi piace più lavorare d’ago.

Since I was 9 I almost always  kept a journal of my trips; I have all of them on a shelf of my library. Sometimes I read one, especially the oldest and I smile to the innocent adventures of the young woman that I was. Writing every day during a trip is a tireless engagement, an activity to be done in silence and solitude. And as much as I like writing, in this phase of my life I enjoy needle work much more.

Così mi sono ispirata alla fantastica Penny Berens che della quale ho già scritto in precedenza. Penny sta facendo una serie che ha chiamato Daily Scratchings vale a dire che da gennaio ogni giorno su una striscia di stoffa ricama qualcosa di saliente della sua giornata. I suoi ricami sono andati facendosi via via più complessi, guardate cosa ha fatto ultimamente.

Therefore I drew inspiration form the terrific Penny Berens that I mentioned before. Since January Penny is making  a series that she called Daily Scratchings by every day embroidering on a piece of cloth something that happened in her day. Her embroideries have become more and more complex, have a look at what she lately made.

DSC03423

Mi è parsa una buona idea fare altrettanto durante il mio ultimo viaggio. Ho chiesto a Penny il permesso, mi pareva quasi di infrangere un copyright se avessi pubblicato foto del mio diario ricamato senza chiederglielo, e lei molto graziosamente ha acconsentito con parole di incoraggiamento e un ‘Happy scratching’.

DSC03434

I thought that it would be a good idea to do the same thing during my last trip. I asked Penny the permission otherwise I would have felt like infringing the copyright if I had published pictures of my embroidered journal without asking. Very graciously she consented by encouraging me and wishing a ‘Happy scratching’.

DSC03433
Ho incontrato due difficoltà: prima di tutto se a scrivere ci vuole tempo, altrettanto ce ne vuole a ricamare. E secondariamente io non so disegnare, quindi la prima parte è piuttosto goffa, mentre per la seconda (terminata a casa) ho avuto il conforto di ‘copiare’ quel che volevo fare da internet. 

DSC03426DSC03427DSC03428

There were two difficulties: first of all if writing requires time, embroidery equally needs it. And then I didn’t consider that I am unable to draw, therefore the first part is rather clumsy, while for the second part (finished at home) I had the comfort of ‘copying’ what I wanted to do from images found online.
     DSC03431

Non voglio essere critica né offensiva verso un paese che mi ha ospitata e nel quale spero di tornare molto presto, tuttavia sono stata colpita nel vedere molta terra recintata con filo spinato nella penisola di Kalpitiya. Mi sono chiesta se si tratti di un esempio di Land Grabbing, fenomeno del quale parla  spesso un’altra blogger straordinaria, Kathryn Clark.

I do not want to be critical or offensive towards a country that hosted me and where I hope to return very soon, but I was struck seeing a lot of barbed wire fenced land in the Kalpitiya peninsula. I asked myself if it wasn’t another example of Land Grabbing, a reality of which another extraordinary blogger,  Kathryn Clark, often writes.

    DSC03438 AFJ logo