'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

giovedì 14 marzo 2013

Ah, India!

DSC04304Tanti, tantissimi mesi fa in una fredda ed umida giornata in cui la mia schiena si faceva sentire più del solito, ho fissato un viaggio in India, come una ribellione al progressivo avanzare della malattia.
Come molte cose prenotate in anticipo, anche questa partenza sembrave remota e un po’ irreale. Come sempre, i giorni sono passati e mi sono trovata con la valigia in mano senza quasi rendermene conto.

Many, many months ago in a cold and damp day in which my back pain was particularly intense, I booked a trip to India, almost a rebellion against the progression of the disease.
It happens that what has been booked with much advance seems very remote and a little unreal. As always happens the days passed and I found myself with the case in my hand nearly without realising it.

DSC04459Questa volta mi sono unita ad un piccolo gruppo di pittori, qualcuno più bravo dell’altro, ma certamente tutti molto più esperti di me. Dapprima esitante, mi sono poi lasciata andare ad usare matita ed acquerelli; confesso di essere piuttosto soddisfatta dei risultati del mio ‘Diario Illustrato’'.

La mia macchina fotografica è rotta, quindi per adesso mostrerò altre cose scoperte in questo viaggio, come per esempio la tintura con indaco che mi ha interessata particolarmente. Purtroppo chi ci accompagnava non capiva nemmeno le mie domande, quindi sono rimasta con moti interrogativi. Mi è stato detto che la polvere d’indaco si scioglie nell’acqua senza additivi e che sono sufficienti solo 2 immersioni per avere un colore intenso contrariamente a quello che ho visto in Giappone. Sapevo che l’indaco indiano è molto più intenso, ma…senza additivi?

DSC04420This time I joined a little group of painters, someone more expert than the other, but all of them certainly much more than me. Hesitant at first, I then let myself go and use pencil and watercolors; I confess that I am quite satisfied with the results of my ‘Visual Journal’.

My camera is broken, therefore for the time being I will show other things that I discovered during this trip, for instance the indigo dyeing that I was very interested in. Unfortunately the person accompanying us was unable to even understand my questions and therefore many questions went unanswered. I was told that powdered indigo is dispersed in water without addictives and that only 2 immersions are sufficient to obtain an intense colour, unlike what I saw in Japan. I knew that Indian indigo is much more intense but…no addictives?

Questo è un tessuto steso al sole ad asiugare che è stato preventivamente stampato con blocchi di legno (block printing) ed una miscela di fango per impedire la colorazione del motivo (resist dyeing).
This is a fabric drying in the sun, previously block printed with a mud based mixture (resist dyeing).

DSC04461

16 commenti:

  1. Hello Blandina,
    So very nice to see and read your new blogpost! Such a shame about your camera, but I love to read about your adventures. The indigo is eyecatching.

    RispondiElimina
  2. Glad to hear from you again. Indian fabrics are wonderful but unfortunately seldom produced in a sustainable way. Everything is just flushed to nature, I believe. Looking forward to the photos of your paitings.

    RispondiElimina
  3. Che azzurri stupendi! Ora sono curiosa di vedere le altre immagini, e soprattutto i tuoi acquerelli!

    RispondiElimina
  4. Ciaooo bentornata!!! Non sapevo che eri andata a fare un viaggio così bello, molto bene, sono contenta. Bello senz'altro anche il gruppo a cui ti sei unita e che dire di questo meraviglioso indaco? Ora aspetto di vedere le foto, intanto ti abbraccio
    Emi

    RispondiElimina
  5. Sounds like another really interesting trip, Blandina, although what a pity they didn't have a translator for you. Looking forward to seeing more!

    RispondiElimina
  6. sermbra che ti sei divertita. bentornata!

    RispondiElimina
  7. bentornataaaaaa! questi moti di ribellione almeno fanno bene a te e alla tua schiena???...dimmi di sì, così corro a prenotare un viaggio anch'io. voglio più dettagli, più foto, più impressioni perché i tuoi racconti mi rapiscono. sorrisi

    RispondiElimina
  8. Wow India! Are you still there? Lovely indigo. I am jealous.

    RispondiElimina
  9. Bentornata!!!ancora un viaggio stupendo... sono felice per te, sicuramente ti sarai divertita, facci vedere presto le tue opere, un abbraccio.

    RispondiElimina
  10. too bad that nobody could explain the indigo dyeing for you, perhaps some details of the process were lost in the explanation

    RispondiElimina
  11. questi racconti odorano di antico e di vivo

    RispondiElimina
  12. That must have been an interesting trip, Blandina! I love the photo with the flowers floating in the bowl of water. It's good to read a new post by you! I hope your back is feeling better at the moment!

    RispondiElimina
  13. you lucky girl! What an exotic experience. But if you are anything like me you must feel lost without your camera.

    RispondiElimina
  14. Hi Blandina,
    India is calling me too. I will go next winter for my 50th. I read the sad news on liz's blog. The old fellow one house down passed away a few hours ago. Then there was a huge thunder and wind storm. It seemed the mountains were saluting him. Take care, Bryan

    RispondiElimina
  15. I bet your trip to India was amazing. The indigo colour is so beautiful and intense, I think it is wonderful to know that it is created without additives. Take care I hope that you are feeling better soon.

    RispondiElimina
  16. India is somewhere I would love to visit and perhaps with my mother as she lived there for 5 years as a child. Huge shame about your camera :(

    RispondiElimina