'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

sabato 12 gennaio 2013

Niente pigrizia - 'Not idle'

Ho avuto molto tempo fra le mani in questi giorni, un po' me l'aspettavo. Per fortuna sono dotata di una mente curiosa e creativa, per cui ho messo a frutto la mia immaginazione e sono stata produttiva anche qui.

 

I had a lot of free time in these days, more than I expected. Luckily I was given a curious and creative mind, therefore I used my imagination and I have been productive.


Mio figlio mi ha regalato 'From print to stitch', un libro molto interessante su come stampare i tessuti per poi ricamarli. Detto fatto, ho comprato dei colori poco costosi e ho fatto qualche prova: divertimento assicurato. Naturalmente ho pasticciato non poco, troppo colore tanto che l'ago non passa attraverso lo strato di colore, ma è stata una buona partenza e credo proprio che proseguirò su questa strada.

 

My son gave me 'From print to stitch', a very interesting book (title self explanatory). In a flash I bought a few cheap supplies and made a few attempts: very enjoyable. Of corse I was a bit messy, I put so much color that the needle wouldn't go though, but it was a good beginning and I think that I will continue to experiment.

 

Questi sono calzini per la mia futura nuora, dovevano essere pronti per Natale, ma sono arrivati dopo.

 

These are socks for my future daughter in law, they had to be ready for Christmas but were completed later.

 

Altri calzini per il ragazzo di Seconda Figlia, completati anche più tardi.

More socks, these for Second Daughter's boyfriend, completed much more later.


Primo figlio aveva chiesto dei fiori da mettere all'occhiello della giacca, come un gentiluomo d'altri tempi.

First Son had requested buttonhole flowers, to wear as gentlemen used to.


Ed infine, proprio fuori dalla porta di casa ci sono dei cespugli di eucalipto. Ho comprato una camicia di seta di seconda mano; la mia amica Deanna del blog Eclectic-Meanderings mi ha detto che la seta prende bene il colore anche senza mordente ed ho voluto provare.

Sorpresa sorpresa, invece del bel tono bruno rossastro che mi aspettavo, ho avuto una colorazione verde, forse perché ho messo a bollire in una pentola di alluminio. Che soddisfazione!

 

Last but not least, right out of my door there are eucalyptus bushes. I bought a second hand silk shirt; my friend Deanna who writes Eclectic-Meanderings blog told me that silk catches the color also if it hasn't been mordanted and I wanted to try.

Surprise surprise, instead of the red brown that I was expecting, I got a green, perhaps because I used an aluminum pot. I was very satisfied with the results!


 

venerdì 11 gennaio 2013

Quilting

 

Durante il mio soggiorno non poteva mancare l'occasione di vedere trapunte coloratissime, fatte in varie epoche. Le anglosassoni sono bravissime e molto esperte, ho visto delle cose moderne di grande creatività.

La tecnica di mettere assieme pezzetti di tessuto di riciclo (patch work) è molto antica ed ha origini molto povere. Il fascino dei 'vecchi' quilt per me sta proprio nel riutilizzo di tessuti, indumenti di vari membri della famiglia non più portabili. Recentemente il Mingei Museum ha avuto una donazione di 350 quilts eseguiti tra i primi del 1800 e il 1950; alcuni di questi eran esposti durante la mia recente visita.

 

During my stay I couldn't miss the occasion of seeing colorful quilts made in different ages. Anglosaxons women are very expert, I have seen contemporary pieces of great creativity.

Patch work technique is very old and has very poor origin (my quilting friends will excuse me for this cheap piece of information). I am fascinated by the older quilts because they are made out of recycled fabric, usually clothing belonging to various family's members and that couldn't be worn any more.

Recently the Mingei Museum received a donation of 350 pieces dating from the early 1800 to 1950; some of them where on show during my last visit.

Il pezzo che più mi è piaciuto è questo che mostro qua sotto. Eseguito negli anni '30 ha in sé una modernità incredibile. Anche il modo di trapuntarlo con questa specie di fiocchetto di filo lo rendono un pezzo molto originale.

Here under is the piece that I liked most. In spite of being made in the Thirties I think that it is incredibly modern. The quilting is very original and unusual too.

 

Tanto per curiosità, ecco la foto di una camera in una casa di bambole nella quale si può vedere la minuscola trapunta, pochi centimetri davvero!

Out of curiosity, here is the picture of a bedroom in a dolls' house in which the minuscule quilt can be seen, a few centimeters indeed!

 

 

venerdì 4 gennaio 2013

Mingei Museum

Sono stata a San Diego per due giorni, un po' per cambiare aria ma soprattutto per vedere questo museo del quale conosco la reputazione.

In questo museo si raccolgono, conservano ed espongono oggetti di uso quotidiano creati dalla tradizione artigiana di ogni parte del mondo. Mingei è un termine giapponese che significa appunto 'arte del popolo'. I pezzi sono naturalmente di altissima qualità, autentici capolavori che nulla hanno da invidiare ad altre forme di arte.

Questa è la foto di un pannello appeso nell'ingresso dell'albergo, già di per sé quasi quasi valeva il viaggio.

 

I have been to San Diego for 2 days, most of all to see this museum that I wanted to visit since a couple of years, and also because I needed a change of scenery.

In this museum objects of daily use are collected, conserved and exhibited; object created by craft traditions of every part of the world. Mingei is a Japanese word meaning 'people's craft'. The pieces are of course of outstanding quality, real works of art that are no less than other kinds of art.

The picture above is the picture of a wall hanging in the hotel's hall: only this was nearly worth the trip!

 

Era in corso un mostra chiamata 'True blue' nella quale erano raccolti oggetti vari per i quali erano stati usati turchesi, lapislazzuli, cobalto e, naturalmente, indaco. Gioielli tribali di varie epoche, ceramiche, cesti, vetri provenienti da ogni parte del mondo, un pezzo più squisito dell'altro.

I tessuti erano semplicemente perfetti.

Francamente dopo aver fatto il workshop con Bryan lo scorso aprile ed aver visitato qualche museo a Tokio non ho visto niente di nuovo, ma mi sono beata alla vista di tanta bellezza.

Non sapevo che l'indaco fosse stato usato anche in Guatemala ed in Cina. Questa camicina ricamata viene dal Guatemala, è un indumento così delizioso che si fa difficoltà ad immaginare che possa essere stato indossato.

There was an exhibition called 'True blue' in wich were gathered objects made out of turquoise, cobalt, lapis lazuli and, of course, indigo. Tribal jewelery of different eras, ceramics, baskets glasses coming from every part of the world, each piece more exquisite than the other.

Fabrics were simply perfect.

To be honest, after the workshop I took with Bryan last April, and the visits to museums in Tokio, I didn't see anything new, but my eyes were happy looking at such beauties.

I didn't know that indigo had been used in Guatemala and China. The above little shirt comes from Guatemala, it is such a delightful garment that it is difficult to imagine that it has really been worn.




Questo invece è un batik cinese, solo gli orientali possono eseguire un lavoro così minuto ed accurato.

This is a Chinese batik, only orientals can produce a work so minute and accurate.

Questo invece è il dettaglio di un kimono eseguito con la tecnica giapponese Yuzon.

Chiedo scusa per non mettere collegamenti o dare ai miei post un'apparenza migliore. Pubblico con Blogsy, ed ho qualche difficoltà.

 

This is the detail of a kimono made with the Japanese technique called Yuzon.

Please excuse me if I do not put links or I do not give a better look to my posts. I am publishing with Blogsy, and I have a few problems.