'Griccia' è un termine usato dagli antichi tessitori della seta del xiv e xv secolo, indicante un fregio a sviluppo in genere verticale, come un tronco che sostiene elementi decorativi come l'ananas, la pigna e il melograno.

martedì 30 luglio 2013

Rose su seta - ‘Roses on silk’

DSC05118Non si può dire che io sia un’esperta di tinture di tessuti, più leggo e più mi accorgo di non sapere;  se volessi approfondire le mie conoscenze dovrei studiare parecchio, chimica compresa.
Tuttavia ogni tanto mi diletto a buttare nel pentolone tessuti, allume e piante, con risultati a volte entusiasmanti (a volte meno).

Recentemente ho usato dei petali di rose rosse che mi erano state regalate da una persona un tempo molto amata. Non so cosa esattamente volessi trasferire sul tessuto, se il grande amore passato oppure il dolore per la sofferenza patita in seguito. Sapevo che non avrei mai riprodotto l’intensa colorazione dei petali, ma a me importano soprattutto le tracce lasciate su cui poi ricamare.

I can not say that I am an expert in fabric dyeing, the more I read and the more I see that I do not know enough; if I wanted to enlarge my knowledge I would have to study a lot, chemistry included .
However from time to time I take pleasure in throwing fabrics, alum and plants, sometimes with exciting results (sometimes not).

Recently I used red roses petals; the flowers were given to me by someone that I deeply loved in a period of my life. I do not know what I exactly wanted to transfer on the fabric, the past great love or the later suffered pain. I knew that I wouldn’t be able to reproduce the intense colouring of the petals, but after all I am more interested in the marks left by the flowers on which I can embroider.

DSC05119

La seta ottenuta sarà utilizzata per un altro progetto (è probabile che faccia un’a seconda mostra a fine anno), e naturalmente ogni prezioso ritaglio viene conservato accuratamente in attesa di ulteriori usi. L’occasione si è presentata per il compleanno di un’amica che aveva ammirato le mie opere e per la quale ho pensato di realizzare un piccolo pannello (11 x 13 cm circa) che ho poi montato su cartoncino, come un biglietto di auguri (qui sopra).

DSC05120The silk that I obtained will be used for another project (it is possible that I will have a second show by the end of the year) and of course every precious cutting is carefully kept waiting to be utilised. The occasion arose for a dear friend’s birthday that had admired my works and for whom I thought of making a little panel (about 11 x 13 cm) that I then framed as a birthday card (above).

Ricamare su organza di seta è tutta un’altra sensazione che ricamare su cotone o lino, per quanto il filo utilizzato sia lo stesso (mouliné di cotone). La mia amica mi ha chiesto perché io non utilizzi un telaio quando ricamo; era la prima volta che ci pensavo e mi sono resa conto che per me il movimento dell’ago è molto più fluido senza la costrizione del telaio, ed è quella sensazione di cui ho bisogno per sentirmi tutt’uno col lavoro che sto eseguendo.
Dunque ricamare su seta è un altro livello di soddisfazione, ed il prossimo passo sarà ricamare su seta con la seta…non vedo l’ora!

Embroidering on silk organdie is a different sensation than embroidering on cotton or linen, in spite of the fact that the thread is the same (cotton mouliné). My friend asked why I am not using a frame when I embroider: it was the first time that I really thought about it and realized that for me the needle motion is much more fluid without the constraint of a frame and this is the sensation that I need in order to feel one with my work.
In summary embroidering on silk is another level of feeling, and next step will be embroidering on silk with silk…I can not wait!

(le foto piccole sono dettagli – the small pictures show details)

                 DSC05122 DSC05123

domenica 21 luglio 2013

Giardino Bardini

Niente di meglio una domenica mattina di una bella passeggiata, anche in considerazione del fatto che volevo riprendere in mano i pennelli dopo moltissimo tempo e soprattutto dal momento che non fa ancora troppo caldo.

DSC05084

Nothing better on a Sunday morning than a stroll, also considering that I wanted to use my brushes again and especially that it is not too hot yet.

DSC05085

Non lontano da dove abito si trova il Giardino Bardini di proprietà dello Stato, un gioiello da non perdere se venite a Firenze. Si trova sulla riva dell’Arno e sale bruscamente sulla collina da cui si ammira una vista spettacolare della città. E’ un luogo di delizie per gli amanti dei giardini: curatissimo, con una scelta varia ed interessante di piante per cui ci sono fioriture praticamente in ogni stagione.

DSC05087

The State owned  Giardino Bardini lies not far from where I live, a true jewel not to miss if you come to Florence. It is on the riverside and suddenly climbs on the hill from which it is possible to admire a spectacular view of the city. It is a delightful place for the garden lovers: very well tended, it has a variety of interesting plants flowering in almost every season. 

DSC05079

In luglio è il turno delle dalie, degli agapanti e soprattutto delle ortensie di cui si può ammirare tutta una collezione nel tunnel detto, appunto delle ortensie. Pochi i visitatori, per quanto il biglietto dia diritto anche all’accesso al Giardino di Boboli.

DSC05077

In July you will find dahlias, agapanthuses and especially hydrangeas of which it is possible to admire a real collection in what is properly called ‘the Hydrangeas tunnel’. There were very few visitors although the entrance ticket allows the entrance also to the Boboli Gardens.

DSC05081

Con l’occasione ho visitato il Museo Capucci ospitato nella Villa Bardini, ma di questo vi parlerò prossimamente.
I took the opportunity to visit the Museo Capucci hosted in the Bardini Villa, but I will write another post on this.

DSC05114

domenica 14 luglio 2013

Carta marmorizzata - ‘Marbled paper’


DSC05053Seconda Figlia ed io abbiamo fatto un piccolo corso, solo due mezze giornate nella splendida cornice della Fondazione Primo Conti, un  museo poco frequentato, e direi quasi dimenticato, sulla collina di Fiesole. Un posto tranquillo da cui si gode una vista magnifica sulla vallata piena di olivi, un’oasi di pace che spinge alla creatività.

Second Daughter and I attended a short course, only two half days in the magnificent frame of the Fondazione Primo Conti, a little frequented museum, I would rather say forgotten, on the Fiesole’s hill. A quiet place where you can enjoy a lovely view of the valley full of olive trees, an oasis of peace that suggests creativity.

Il primo giorno abbiamo fatto la carta marmorizzata, tecnica di decorazione antichissima (non sapevo che già esistesse ai tempi dei Romani) e molto diffusa nei secoli, dal Giappone all’India, alla Turchia.
Noi abbiamo usato colla da parati come supporto dei colori acrilici, ma si possono utilizzare una gran varietà di prodotti, compresi acqua e colori ad olio.

    DSC05048DSC05047

On the first day we produced marbled paper, a very old decorative technique (I didn’t know that it is as old as the Romans) and very widespread in the centuries, from Japan, to India and Turkey.
We used wall paper glue as a support for the acrylic colours, but it is possible to use a variety of means, including water and oil paints.

    DSC05056DSC05049

La parte più creativa è la scelta dei colori, la quantità che se ne usa e come si decide di mescolarli fra loro ottenendo un effetto più o meno marmorizzato. Nell’esempio qui sopra ho scelto di non disturbare i colori e di cogliere il disegno formato solo dall’allargarsi dei colori stessi sulla superficie viscosa.

The creative part of the process is the choice of colours, the quantity to be used and how to mix them in order to obtain a marbled effect. In the above example I chose not to disturb the colours and to catch the pattern given by their spreading on the viscous surface.

DSC05059

La seconda parte del corso è stata dedicata alla realizzazione di un piccolo quaderno,  Non ho fatto foto in quanto la tecnica era davvero semplice e se ne trovano mille esempi sul web.
Una volta di più ho sentito una gran soddisfazione nel lavoro manuale e nella produzione di un oggetto che posso usare.

The second part of the course was about making a little notebook. I didn’t take picture since the technique was really simple and there are hundreds of examples online.
Once more I felt a great satisfaction in manual work and in the production of an object that I will be able to use.

DSC05060